Intendo piuttosto quelle situazioni considerate “normali” dove il cane appare un carnefice disobbediente, dispettoso con mille difetti, mentre, a mio avviso, è una vittima silenziosa e dignitosa.
Povero cane! è colui che viene minimizzato e ridicolizzato come fosse ritenuto privo di capacità, dai proprietari o da chi se ne prende cura.

Avete presente quei cani trattati come bambini imbecilli, vissuti e visti come creature da divano? Oppure quelli costretti a vivere nelle ansie dei loro proprietari che non li sciolgono mai o che provvedono quotidianamente alla loro igiene personale? O ancora quelli che devono vivere nella frenesia dei proprietari, nella concitazione di ogni momento, nella logorroica modalità di relazione proposta dal proprietario?

Povero cane! – chiamato mille volte, trattato come un giullare, sgridato senza senso, baciato, isolato e poi ripreso, obbligato ad andare alla nostra velocità del momento.

Povero cane! – Si